Archivi categoria: condizionamento

Quanto costa ed è obbligatorio il libretto impianto per il mio climatizzatore?

Ciao a tutti.

Come titolo ho scelto la domanda che in molti si pongono, specialmente ora che sta’iniziando la stagione.

Con la corsa alla manutenzione, l’istallazione e la sostituzione si sentono varie risposte e non si sa a chi dare credito.

Ebbene sì il libretto impianto è obbligatorio per tutti i nuovi climatizzatori dal 1 Gennaio 2015 purtroppo la mala informazione e gestione da parte degli enti si è rallentata  l’informazione.

Certo che nelle salatissime multe no!

Arriviamo al dunque io il libretto impianto lo faccio pagare 80 €.

Nella media della provincia di Padova.

Ma che cos’è e a cosa serve?

Il climatizzatore o ciller o vrf, quindi qualsiasi sistema che usi un gas deve essere censito in un’anagrafe a livello Europeo e mondiale.

Questo perché? 

Per tener d’occhio il buco dell’ozono e l’effetto serra conoscendo quanti e che tipo di impianti sono presenti nel territorio e sopratutto quando il tecnico andrà a fare il controllo verranno comunicate le perdite di gas , teneno sotto controllo l’inquinamento e il surriscaldamento del pianeta.

Dimenticavo che in un impianto già esistente al momento che noi tecnici interveniamo per un controllo che può essere una carica del gas siamo obbligati fare il libretto impianto. 

Il gas immesso nell’impianto deve essere censito, e registrato in un registro aziendale e ogni anno registrato all’ISPRA, altrimenti ci sono grosse sanzioni per le aziende, e di certo si evitano.

Ma le grosse multe ci sono anche e sopratutto per i proprietari dell’impianto essendo loro i redponsabili e devono fare applicare le regole a casa loro.

Parliamo di 25.000€ e processo con 2 anni di carcere per danni contro l’umanità. 

Non ne vale la pena vero per 80 €

Annunci

SOSTITUZIONE VECCHIO CONDIZIONATORE IN R 22 CON NUOVO IN R410 A

In questi ultimi anni noi installatori ci siamo trovati a sostituire un vecchio impianto funzionante con gas R 22 non idoneo al protocollo di kyoto .

I nuovi climatizzatori ad R 410 non sono compatibili con le tubazioni dei predecessori, essendo differente il tipo di lubrificante, minerale in R 22 e sintetico in R 410.

Quindi affermiamo che non sono compatibili, una grande fetta di installatori non fanno altro che sostituire il vecchio impianto usufruendo delle tubazioni esistenti “SBAGLIATO”.

L’olio minerale rimasto nelle tubazioni va in conflitto con l’olio sintetico creando una schiuma, in più l’olio cristalizzatosi nelle pareti delle tubazioni si stacca e va a rovinare il compressore della nuova macchina.

Alcuni idraulici fanno il lavaggio delle tubazioni, ma non è una procedura sicura, il che lo detta le case di costruzione, ove ci sia un problema entro i due anni di garanzia e sono state utilizzate le tubazioni vecchie ” N0N RISPONDE ” , prendetevela con il vostro installatore poi.

Quindi il consiglio è sostituire le tubazioni, un costo non da poco, magari si trovano sotto traccia, rompere il muro, chiamare il pittore, il muratore.

La soluzione che io da un paio d’anni ho optato è quella meno invasiva e più sicura, semplicemente installo Mitsubishi, è l’unica casa che costruisce un climatizzatore che può essere installato in un vecchio impianto e da la garanzia, adotta un sistema che rende immune l’olio minerale e non va a rovinare l’impianto.

E’ vero che ha un costo maggiore essendo il top (ma non molto in più, dipende dallo sconto che vi viene applicato, una sostituzione con un 12.000 btu circa 1.100 + iva )ma fa risparmiare molto e lo reputo il più versatile in commercio.

WP_20150801_16_54_11_ProWP_20150801_16_57_29_Pro

ATTENZIONE, forse vi stanno installando un CONDIZIONATORE già VECCHIO

MI STO’ ACCORGENDO CHE, arrivato il caldo e la corsa all’acquisto del climatizzatore, quasi nessun tecnico offre la corretta informazione al cliente!

Scendo un po’ nel tecnico perchè è necessario alla spiegazione:

Sto parlando del GAS R 410 (ALTAMENTE INQUINANTE) bandito a partire dal 2020.

Dal 1 Gennaio 2015 il gas R410 non viene più prodotto, si va fino ad esaurimento scorte. Purtroppo la maggior parte dei climatizzatori ancora in commercio funzionano proprio con il gas R410.

Il problema è che tra 5 anni non si potranno più caricare, quindi se scarico si dovrà procedere con la sostituzione con uno nuovo, con gas di ultima generazione, R 33.

Non fidatevi troppo degli installatori, fatevi spiegare bene  quale sia la scelta migliore da fare.

Se possibile installate già un impianto con gas di ultima generazione R 33 – vi assicuro che si trovano in commercio.

  • RIVOLGETEVI A PERSONE CERTIFICATE E QUALIFICATE
  • RICHIEDETE SEMPRE I CERTIFICATI.